Per il futuro del nostro pianeta

Che cos’è?

Per agricoltura sostenibile si intende il rispetto dei criteri di sostenibilità nella produzione agricola e agroalimentare privilegiando quei processi naturali che consentono di preservare la “risorsa ambiente”.

Visualizza immagine di origine

Non utilizza prodotti chimici di sintesi (fertilizzanti, diserbanti, insetticidi, anticrittogamici) per la concimazione dei terreni, per la lotta alle piante infestanti, ai parassiti animali e alle malattie delle piante; inoltre vieta l’uso di organismi geneticamente modificati (OGM). L’agricoltura sostenibile è quella che, oltre a produrre alimenti e altri prodotti agricoli, è anche economicamente vantaggiosa per gli agricoltori, rispettosa dell’ambiente, socialmente giusta, contribuendo a migliorare la qualità della vita sia degli agricoltori che dell’intera società.

Pratiche utilizzate

 

Le principali sono:

Immagine correlata

– la rotazione delle colture evita di coltivare per più stagioni di seg uito sullo stesso terreno la stessa pianta, così da impedire che parassiti ed erbe infestanti si adattino e proliferino in un ambiente loro favorevole. Nel contempo si utilizzano in modo più razionale e meno intensivo le sostanze nutrienti del terreno;

– la piantumazione di siepi ed alberi ricrea il paesaggio, dà ospitalità ai predatori naturali dei parassiti e funge da barriera fisica contro gli inquinamenti esterni;

– la consociazione consiste nel coltivare contemporaneamente piante diverse, l’una sgradita ai parassiti dell’altra.

Ricorre a pratiche tradizionali selezionando specie locali resistenti alle malattie e intervenendo con tecniche di coltivazione adeguate.

regolamento-ue.jpg

Europa biologica 

L’ agricoltura biologica nei 28 paesi dell’Unione Europa coinvolge oltre 295mila aziende agricole. L’Italia rientra tra i dieci maggiori paesi produttori di cibo biologico a livello mondiale, mentre in Europa si colloca al primo posto per numero di produttori bio e al secondo posto dietro alla Spagna per superficie agricola destinata alle produzioni biologiche.

Visualizza immagine di origine

Logo europeo dell’agricoltura biologica:

questa elimina i parassiti non con pesticidi, ma con altri insetti, batteri, fertilizzanti o rotazioni colturali.

Il Centro Agroalimentare all’Ingrosso di Fondi è il più grande e moderno centro italiano di concentrazione, condizionamento e smistamento di prodotti ortofrutticoli freschi. Il Mercato è un luogo di approvvigionamento privilegiato delle metropoli italiane e della grande distribuzione, ma anche struttura commerciale strategica per il collocamento delle produzioni di ortofrutta per tutto il bacino del Mediterraneo.

Il MOF si estende su una superficie di 335 ettari. Oltre ad offrire i classici servizi dei più moderni centri agroalimentari all’ingrosso, ciò che più lo caratterizza è la disponibilità di ogni suo operatore di personalizzare i servizi ad esigenze del cliente.

Controllo e certificazione

Un moderno laboratorio di analisi (MOF LAB), istituito per il controllo e la certificazione di qualità delle merci in transito nel Centro Agroalimentare all’Ingrosso di Fondi, fornisce a produttori, operatori ed acquirenti assistenza tecnica di elevata professionalità.

FINE

Elena Baldassarre -Teresa Cima -Gaia Mirabello – Arianna Sarcina- Giulia di Russo